ABOUT US

Escartons.jpeg

Vieni a ritirare il passaporto della Repubblica

Con il termine Escarton si intende denominare un territorio alpino che in origine era composto da cinque zone montane che attualmente sono a cavallo tra i confini italiani e francesi: Queyras, Alta Val Chisone, Alta Val Susa, Brianzonese e di Casteldelfino (Valle Varaita).

 

Escarton deriva dal francese "ecarter", che significa ripartire in quarti le imposte.

Tutto nasce infatti da una legge sulle tasse imposta sul territorio allora francese. Il 29 maggio del 1343, a Beauvoir en Royans, il Delfino Umberto II firmò insieme a 18 rappresentanti delle valli alpine la Carta delle Libertà.

In questo modo il Delfino riconosceva alle diverse comunità montane il diritto di governarsi e accordava a tutti il titolo di Franco Borghese. Con il tempo questo territorio, a cui si aggiunse anche l’Alta Val Varaita, assunse la definizione popolare di “Repubblica degli Escarton”. 

 

Nel 1349, dopo soli sei anni dalla promulgazione della Carta, lo stesso Delfino Umberto II, pressato dai debiti, cedette gli Escarton al Re di Francia per 20.000 fiorini a patto che rispettasse i diritti già concessi nel 1343.

Solo nel 1713, con il trattato di Utrecht, si pose fine a questa piccola nazione di montagna, con il passaggio delle valli Susa, Varaita e Chisone all’Italia.

 

Gli “Escarton” costituiscono quindi la prova che le Alpi non hanno mai avuto una funzione di barriera tra le diverse popolazioni, ma anzi hanno generato un’unità ambientale e culturale dove tradizioni diverse si sono fuse insieme.